L'innovativa suite di evoluzione del WiFi quale sistema complementare di accesso Internet mobile.

Il WiFi è sempre stato una specie di anomalia nel mondo del networking, perché fornisce un servizio fondamentale secondo standard internazionali senza la necessità di alcuna licenza.

La conseguenza di questa prerogativa è che le reti WiFi si sono sviluppate in un contesto in cui grandi operatori e piccoli provider hanno operato senza alcun tipo di coordinamento, realizzando di fatto infrastrutture non interoperabili.

Tuttavia con l'immensa e relativamente recente diffusione di dispostivi mobili, nonché in ragione della esponenziale crescita del traffico dati mobile, è completamente cambiato lo scenario di servizi e applicazioni che possono essere fruite in mobilità, ciò ha reso gli hotspot WiFi un elemento molto importante nella complessa infrastruttura di rete.

Alcuni analisti ritengono che il 4G sarà la soluzione a queste problematiche di sovraccarico della rete, allo stesso tempo il WiFi sta ricevendo una attenzione sempre maggiore da parte degli operatori che intendono "scaricare" parte dei dati dalla rete 3G/4G su WiFi. Questo significa che il WiFi è destinato ad essere una tecnologia fondamentale nell'erogazione della nuova generazione di servizi destinati ai dispositivi mobili.

Sfortunatamente la maggior parte delle reti di hotspot sono state realizzate con tecnologie piuttosto elementari, quindi spesso non in grado di essere una opzione affidabile in termini di performance o comunque non perfettamente aderenti agli standard tecnologici degli operatori mobili.

In effetti le principali organizzazioni e organi di standardizzazione (IEEE, 3GPP, WBA and Hotspot 2.0) stanno cercando di individuare le linee guida ed i protocolli destinati ad una integrazione tra WiFi e reti mobili cellulari, questo processo si sta tuttavia rivelando piuttosto confuso e poco efficace perché problemi molto simili sono affrontati con soluzioni diverse e spesso contradditorie.

Inoltre la non conformità di questi standard ai vari elementi di rete (terminali mobili, access point, controllers ecc.) rendono il passaggio ai nuovi standard estremamente difficile, portando di fatto questo innovativo processo di integrazione ad una situazione di stallo.

Al fine di portare il WiFi ad un livello di servizio carrier grade abbiamo sviluppato un'unica piattaforma di autenticazione che lavora in perfetta sinergia con una nuova serie di access controller in cloud.
Questa piattaforma non richiede la sostituzione di alcun elemento di rete, né la necessità che il dispositivo dell'utente debba essere in qualche modo modificato, in quanto funziona tramite una semplice applicazione per smartphone e tablet.

Il nostro scopo è stato quello di rendere l'utente "Always Best Connected" in maniera trasparente. Un sofisticato algoritmo regola sia l'autenticazione che quello che abbiamo chiamato Context Based Cloud Network Selection.
Il processo di autenticazione può essere gestito tramite la SIM dell'utente, evitando dunque fastidiose procedure di registrazione, o tramite qualsiasi altro sistema di accounting.

Attraverso un approccio innovativo, che consente di raccogliere continuamente i dati dalla rete, l'algoritmo compie una precisa valutazione del "Contesto" in cui il dispositivo mobile si trova, partendo da informazioni basilari come la posizione e la disponibilità di servizio ma anche informazioni relative a cosa il dispositivo sta facendo e l'ambiente circostante. Tutte queste informazioni sono valutate in tempo reale e quindi utilizzate per comprendere l'evoluzione del contesto nell'imminente futuro, consentendo quindi di individuare sia la migliore rete disponibile che il momento ideale per compiere un eventuale handover. Inoltre, mentre l'utente è guidato verso l'opzione di connettività migliore, l'algoritmo continua ad elaborare le informazioni che riceve dagli altri elementi della rete e dagli utenti, funzionando dunque come una sonda che rende complessivamente il sistema in grado di auto-apprendere il contesto di rete e di segnalare/risolvere autonomamente eventuali problemi.

Questo processo di autenticazione brevettato rappresenta probabilmente lo sviluppo più innovativo, perché migliora incredibilmente le performance dell'handover e l'affidabilità. In particolare la caratteristica più notevole è la capacità di eseguire una autenticazione trasparente alla rete WiFi utilizzando la connessione attiva, tipicamente l’interfaccia 3G/4G, aprendo quindi uno scenario completamente rivoluzionario in termini di prestazioni e superando il limite della disconnessione del dispositivo che lavora ovviamente con una sola connessione attiva per volta.

Un tale controllo del processo di autenticazione offre inoltre la possibilità di legare ad un singolo account l'autenticazione di molti altri dispositivi non SIM in modo molto efficace e senza la necessità di richiedere ulteriori registrazioni.

Guglielmo :: BABELTEN
 
 
 
 
Guglielmo :: BABELTEN
 
 
 
 
Guglielmo :: BABELTEN
 
 
 

Quando puoi contare su una rete WiFi capillare il tema centrale dell’accesso si libera di tanti vincoli e dunque il client di Internet può potenzialmente diventare qualsiasi cosa.
Internet delle cose significa che è riduttivo pensare al web solo per il normale collegamento di un utente tramite il proprio dispositivo.

La raccolta di queste informazioni e la loro gestione tramite la nostra piattaforma Lumen è l’oggetto del nostro lavoro, lo sviluppo delle applicazioni che ci semplificano la vita ne è il fine, la fantasia ne è il limite.

A partire dall'esperienza avuta in Italia e in Europa di connessione di migliaia di cittadini in numerose location e aree pubbliche, Guglielmo introduce un nuovo Gateway GL Series interamente dedicato alle applicazioni per Internet delle Cose (Internet of Things, IoT) e Smart City.

L'obiettivo della piattaforma IoT di Guglielmo è di permettere una connessione con soluzione di continuità, sicura e scalabile a cose e persone.

Il nuovo Gateway è in grado di supportare accessi multipli alle reti (WiFi, Ethernet, 3G/LTE, e 802.15.4/ZigBee) e di comunicare con diversi protocolli Application-layer (HTTP, CoAP e MQTT) al fine di connettere persone (es. attraverso i loro dispositivi mobile) e cose allo stesso tempo e nella stessa area geografica.

 

Il nodo IoT-GL è integrato in una piattaforma strutturata, sicura e scalabile al fine di coordinare e gestire le procedure di autenticazione e di interagire con servizi in Cloud remoti per il salvataggio, l'elaborazione e l'aggregazione dei dati.

Il Gateway IoT apre un accesso sicuro e un canale di comunicazione verso molteplici ed eterogenei scenari che vanno dalle Smart City, allo Smart Home/Building e alle Misurazioni per le applicazioni Veicolari e in Mobilità.

Attraverso il supporto di un Service Discovery dinamico e di un Servizio in Cloud dedicato, la piattaforma semplificherà lo sviluppo di nuove reti IoT e il salvataggio, l'elaborazione e la ridistribuzione di informazioni importanti.